28/10/2015 – OLTRE IL BIANCO E NERO – Quarto ed ultimo appuntamento Rassegna Cinematografica 2015

Cari Amici, Nel ringraziarvi per avere contribuito al successo della terza proiezione, vi presentiamo il programma del quarto ed ultimo appuntamento della Seconda rassegna cineafrica intitolata:  
OLTRE IL BIANCO E NERO
Le proiezioni si svolgeranno ogni mercoledì di Ottobre presso:  
Auditorium San Dionigi Piazza Martiri della Liberazione, 12 27029 Vigevano (PV)
 
ORE 21:00
INGRESSO LIBERO
Quarta proiezione (in allegato il volantino):  
Mercoledì 28/10/2015 verranno proiettati quattro cortometraggi della rassegna di film africani  "OLTRE IL BIANCO E NERO" dal titolo"des enfants dans les arabres" Bania Medjbar (Algeria) "safi, la petite mere" Raso Ganmetore (Francia-Italia-Burkinafaso) "quand ils dorment" Mareyam Touzani (Marocco) "made in mauritius" David Constantin (Isole Mauritius)
"des enfants dans les arabres": Karim e la sorella vivono con la madre in una cité che domina Marsiglia. Ogni mattina osservano da lontano l'edificio della prigione dove è rinchiuso il padre e ascoltano la radio che manda messaggi ai detenuti. Una conversazione sempre a senso unico, per Karim è come "parlare all'aria". All'ennesima perquisizione della casa da parte della polizia, i due bambini si lanciano in bicicletta verso un viaggio iniziatico nella città con il sogno utopico di il padre. "safi, la petite mere": La madre di Safi muore dando alla luce un maschietto. L'antica, crudele tradizione del suo villaggio decreta la morte del neonato per scongiurare il malocchio. Safi, 8 anni, decide di salvargli la vita, fuggendo con lui in città, dove scoprirà la forza miracolosa della solidarietà. "quand ils dorment": Sara è molto legata al nonno, che sostituisce la figura materna. Quando all'improvviso anche il nonno verrà a mancarle, la piccola infrangerà tutte le regole della tradizione islamica, che vieta alle donne di presenziare alle esequie, per stargli accanto... "made in mauritius": Bissoon è un pensionato delle Mauritius alle prese con il commerciante cinese Ah-Yan, che cerca di vendergli una nuova radio. Bissoon resiste alle tentazioni della globalizzazione, ma poi cade vittima del marketing... Una riflessione, condita con ironia e vivace senso critico, sul delicato rapporto uomo - ambiente - tecnologia, sullo sfondo della sempre più crescente "colonizzazione" cinese dell'Africa.